A presto i bonus per la benzina

Pubblicato: Mercoledì, 21 Gennaio 2015

Sono iniziate lunedì, e proseguiranno fino al prossimo 17 febbraio, le procedure di accreditamento nelle card idrocarburi dei cittadini lucani.

Le carte, la cui distribuzione è in via di completamento, dovranno essere attivate in un qualunque ufficio postale, senza una data di scadenza, per poi essere utilizzate a partire da sabato 18 febbraio.

 

Ovviamente la domanda deve essere stata accettata: di tutte quelle presentate tra luglio e settembre centoquaranta non sono state ammesse al beneficio perchè i richiedenti erano privi di uno dei requisiti richiesti, ovvero la residenza in Basilicata, la maggiore età e il possesso della patente di guida.

Per usufruire del bonus basta recarsi in un distributore di benzina abilitato al circuito Mastercard e pagare il rifornimento con la card; si potrà utilizzare tutto o parte del credito.

Per chi non ha richiesto il beneficio nel periodo indicato e volesse farlo ora, per il momento non è possibile ma dovrà aspettare la prossima fase, quando si dovrà richiedere l’erogazione del bonus per l’anno in corso.

In questo caso, però, non potrà usufruire delle somme precedentemente accreditate.

Il terzo bonus idrocarburi sta arrivando nelle tasche dei patentati lucani, (in parte anche in Veneto e in Liguria) ma non tutti avranno la stessa somma di denaro da spendere per fare il pieno di benzina. L’importo caricato sulla card dipenderà in funzione della fascia di reddito di appartenenza e oscillerà dai 30 euro, agli oltre 77 euro fino a un massimo di più di 154 euro.

Somme che in questi giorni sono in via di accreditamento sulle card dei diciottenni, patentati, residenti in Basilicata al 31 dicembre 2012. Sono questi i tre requisiti che ancora persistono per l’erogazione del terzo bonus secondo le norme del decreto interministeriale pubblicato il 7 agosto 2014 che ha modificato e integrato le norme per l’attribuzione del bonus idrocarburi.

E così dopo la pausa delle festività natalizie, Poste italiane  (CLICCA QUI PER IL MODULO) ha dato corso alle operazioni, che si completeranno in settimana con l’accredito a tutti gli aventi diritto della quota spettante del Fondo relativo alle produzioni di idrocarburi in Basilicata nel 2011. Decurtate le somme destinate alle altre regioni (tra cui quelle dei rigassificatori, Liguria e Veneto) in conformità alle sentenza del Giudice Amministrativo, i primi a ricevere il bonus sono stati quei cittadini erroneamente esclusi dal secondo beneficio. Per loro è già stata completata l’erogazione dei 140, 25 euro. Si trattava di oltre 3.300 beneficiari che non avevano ricevuto la somma, ai quali il Ministero dello Sviluppo Economico ne aveva però riconosciuto il diritto. Sono le prime card ad essere state ricaricate ripagando cittadini che avevano ricevuto un torto ingiusto e chiudendo così definitivamente la partita del secondo bonus. Per loro è finalmente giunto il momento di ripescare la vecchia card e utilizzarla per l’atteso pieno di carburante. Cosa che faranno in questi giorni oltre 330mila patentati lucani che hanno fatto richiesta della card idrocarburi.

 

Per sapere l’importo che gli sarà accreditato dovranno guardare il loro reddito del 2011. Oltre 290mila cittadini avranno l’importo massimo che ammonta a 154,80 euro. A questa fascia appartengono tutti quei cittadini che hanno dichiarato all’Agenzia delle entrate un reddito inferiore a 28mila euro o chi non ha comunque dichiarato nulla. Alla seconda fascia di reddito appartengono circa 34 mila cittadini che vedranno caricata sulla loro card 77,40 euro. Sono tutti quei cittadini che hanno dichiarato tra i 28.001 euro e 75.000 euro. I più «ricchi», circa 2.500 beneficiari, avranno invece, solo 30 euro. A questa fascia di reddito appartengono tutti quelli che hanno dichiarato un reddito superiore a 75mila euro. Intanto comincia la ricerca della card, dimenticata in chissà quale cassetto.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina di policy & privacy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Policy & Privacy