L’impegnativa trasferta di Piedimonte Matese, su uno dei soli due campi rimasti ancora imbattuti in questa Serie C, apre un mese di Febbraio potenzialmente decisivo per il prosieguo di stagione della capolista Academy. Largamente incerottata per via degli infortuni occorsi nelle ultime settimane, la squadra guidata da Roberto Miriello fa visita da una FAAM che la segue a sei lunghezze di distanza (24 contro 18), occupando in solitaria il quinto posto della classifica. Come detto bene 14 dei 18 punti finora conquistati dai biancoverdi sono maturati sul parquet di via Baden Powell, a fronte di un trend di marcia in trasferta che ha visto solo due vittorie, mentre Tinto e compagni, lasciarono i due punti, tra gli altri, anche nella gara d’andata persa al PalaPergola 101-74. Fu una delle migliori esibizioni rossoblù (Banin 24, Labovic 18, Cagnacci 17) di questo campionato, non tanto per le 14 triple messe a segno, quanto per i cinque uomini in doppia cifra e soprattutto la straordinaria capacità difensiva di invertire un inizio in salita (10-15), con un break di 20-0 capace di decidere il risultato già ben prima dell’intervallo (51-31 al 20’).

La formazione casertana, finalista dello scorso campionato di D ed arrivata nel massimo campionato regionale attraverso l’acquisto dei diritti sportivi di Mugnano, da un paio di settimane ha cambiato guida tecnica, promuovendo Ivo Macchione, già secondo assistente fin da inizio stagione, al posto di coach Rino Iuliano (curiosamente atleta alle dipendenze di Roberto Miriello ai tempi di Matera). Rispetto alla sfida giocata un girone fa a Potenza (era il 22 Ottobre) la Polisportiva Matese ritrova in cabina di regia anche Fabio Galantino, folletto noto soprattutto alle platee pugliesi, che era stato sostituito temporaneamente da Umberto Brusadin durante la convalescenza, così come sarà della contesa anche Fabio Gazzillo, fermo ai box per infortunio nell’incontro d’andata.

Si prospetta, dunque, un compito decisamente impegnativo quello che attende i potentini, chiamati comunque – nonostante gli straordinari – ad un ulteriore sforzo, con l’ausilio dei più giovani già ben disimpegnatisi anche contro Ischia, in quello che comincia ad essere, soprattutto perché in trasferta, un lungo preludio alle decisive serie dei playoff.
Ci aspetta certamente una partita dura, contro una squadra ben costruita e da rispettare per le qualità che possiede – conferma Lazar Labovic nell’analisi prepartita – Matese ha dimostrato di poter recitare un ruolo da protagonista in questo campionato, soprattutto nelle partite casalinghe, per cui bisognerà avere massima concentrazione sui due lati del campo, imponendo il nostro ritmo e giocando la pallacanestro a noi più congeniale”.

Palla a due sabato 3 febbraio alle ore 17.00: arbitrano l’incontro i signori Serino di San Nicola la Strada e Moriello di Marcianise.