L’idea è del presidente del Consorzio di tutela, Franco Bruno con la collaborazione dello chef italiano trapiantato a Washington, Luigi Diotaiuti. Una strategia di promozione non solo del prodotto ma del Pollino e le sue bellezze.

Pronta a conquistare i palati di buongustai anche oltre oceano. La melanzana rossa di Rotonda dop sbarcherà presto negli Stati Uniti. L’idea è del presidente del Consorzio di tutela, Franco Bruno. A promuoverla nel circuito della ristorazione gourmet sarà lo chef Luigi Diotaiuti, originario di Lagonegro e che da trent’anni nel suo ristorante a Washington è ambasciatore della cucina italiana, dei sapori della sua terra d’origine e dei suoi prodotti di qualità. Un tempio del gusto frequentato da celebri personaggi come George Clooney, Julia Roberts, Harrison Ford e tanti altri. Franco Bruno nel podcast racconta della nuova strategia di promozione del prodotto e di marketing territoriale. Un prodotto a marchio come traino per promuovere Rotonda, il Pollino e le sue tante bellezze. Parte del raccolto di quest’anno sarà già destinato a sbarcare oltre oceano. “E’ un prodotto di nicchia – ha commentato lo chef Diotaiuti – che può diventare una prelibatezza. Non ho ancora in mente dei piatti ben definiti, ma si presta bene dall’antipasto ai secondi”. Da oltre 30 anni Diotaiuti promuove la Basilicata e i suoi prodotti nel mondo e ha iniziato con la transumanza, un mondo che gli appartiene essendo cresciuto tra mucche e capre, in campagna a mezzadria. Grazie anche alla sua fondazione, “Luigi Diotaiuti Odv”, che ha l’obiettivo di trasferire alle nuove generazioni i saperi delle “custodi” del gusto regionale lucano, nel novembre del 2019 la transumanza è patrimonio dell’Umanità. E’ sua l’idea della manifestazione “Sirino in transumanza”, appuntamento estivo che ha l’obiettivo di preservare le tradizioni agricole e lo stile di vita salutare italiano per le generazioni future. Da quindici anni promuove il caciocavallo lucano realizzando i gustosi ravioli di caciocavallo sperando che a breve diventerà prodotto a marchio dop. Poi ha promosso la laganella, “pasta che esiste solo in Basilicata, antichissima, che ha 4 mila anni e così racconto un territorio – racconta nel podcast. Poi ho promosso Maratea e le linguine con frutti di mare li chiamo linguine Maratea per promuovere la bellissima località marina. Inoltre, da anni promuovo i prodotti della capra realizzando gnocchi di ricotta di capra. E’ la carne migliore al mondo, seconda solo allo struzzo. Grazie alla mucca podolica e alla capra gli uomini hanno ancora accesso alle nostre montagne”. Una promozione a tutto tondo della Basilicata, dei suoi prodotti di qualità e delle sue bellezze naturalistiche.