Carella (Fema Cisl), Zes opportunità per far ripartire la Valbasento

Pubblicato: Martedì, 26 Settembre 2017

Il segretario generale della Femca Cisl Basilicata, Francesco Carella, lancia un appello al governo regionale per il rilancio della Valbasento.

"La discussione che si è finalmente aperta sulle zone economiche speciali - spiega Carella - è una straordinaria opportunità per recuperare la Valbasento alla sua vocazione produttiva puntando, non solo su agroalimentare e logistica, ma anche sulla nuova frontiera della chimica verde e delle biotecnologie. La crisi della Valbasento - continua il sindacalista - è la metafora del disastro industriale lucano. Nylstar, Cfp, Panasonic, Ergom, Orsa Sud, Apelle, Helesi: sono solo gli ultimi capitoli di un lungo rosario di fallimenti industriali. Oggi preoccupano realtà come Brianza Plastica, Coopobox e Politex che iniziano a dare segnali preoccupanti, mentre la reindustrializzazione della ex Mythen fatica a decollare.

Dentro questo panorama la politica, insieme alle forze sociali, è chiamata a creare le condizioni per una solida ripartenza produttiva e occupazionale mettendo in campo risorse e strumenti di politica industriale. Anche nella nostra regione ci sono realtà che resistono, che innovano, che gettano ogni giorno il cuore oltre l'ostacolo della mala-burocrazia, di un fisco vessatorio, di infrastrutture colabrodo. Da queste eccellenze bisogna ripartire per fare della nostra regione il crocevia di un nuovo modello di sviluppo fondato su green economy, smart working e industria 4.0 e sulle reti cooperanti tra industria, scuola, università, enti di ricerca, acceleratori tecnologici e incubatori d'impresa.

La Zes può fare da acceleratore - conclude Carella - ma va riempita di contenuti, risorse e politiche, a partire dalla riduzione dei costi energetici e dei trasporti, in grado di restituire alla Valbasento una rinnovata prospettiva di sviluppo".

Murales

Comics

TerradiBasilicata TV

 
Terra di Basilicata - Dir. Resp. Antonio Savino - Aut. Trib. Potenza 357/08 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina di policy & privacy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Policy & Privacy