Ripresa l'attività produttiva al Centro Olio Val d’Agri

Pubblicato: Mercoledì, 18 Febbraio 2015

Al Centro Olio Val d’Agri riprende da oggi la normale attività produttiva. Dal 26 gennaio scorso, infatti, l’impianto e i 27 pozzi afferenti sono stati fermati. Ventuno giorni di stop, di cui 11 di fermo totale nel corso dei quali sono state completate le attività di manutenzione ordinaria e straordinaria dell’impianto, nonché alcune attività propedeutiche all’avvio della nuova linea di trattenimento gas.

Oggi l’Eni, in una conferenza stampa, ha presentato i dati sulla sicurezza. Presenti all’incontro con i giornalisti: Antonio Baldassarre, responsabile coordinamento operativo e supporto affinità Eni, Enrico Trovato, responsabile distretto meridionale Eni e Francesco Manna, rsponsabile relazioni istituzionali locali Eni.
Sulle 165mila ore lavorate infortuni pari a zero, sono state revisionate 950 apparecchiature e realizzati 3500 collegamenti meccanici ed elettrici per il prossimo avvio della quinta linea.
La fermata generale ha previsto il progressivo arresto di tutti i pozzi e le apparecchiature del Centro Olio, quindi il riavvio degli impianti dopo le attività di manutenzione. Le fasi più sensibili, quella iniziale sulla depressurizzazione delle apparecchiature e quella finale di ripressurizzazione, caratterizzate da transitori di processo con visibilità di fiaccola rispetto alle normali condizioni di esercizio. La gradualità e il controllo delle fasi hanno ridotto gli eventi di visibilità della fiaccola a due episodi in fase di riavvio degli impianti. Il sistema di monitoraggio delle emissioni ha continuato a funzionare.
Un lavoro intenso negli ultimi giorni che ha visto impegnate nel suo picco massimo 1400 unità h24 anche per le attività che il Centro dovrà fare per il futuro. “Qui in Basilicata – hanno sottolineato i responsabili dell’Eni - si è formato un polo di ecceellenza, un grande patrimonio industriale. Un banco di prova per il futuro. Durante questa attività di fermo, molto complessa, abbiamo rintracciato competenza anche per il proseguio delle attività. Il Centro Olio rappresenta la maggiore relatà italiana nella produzione di idrocarburi liquidi, eccellenza dal punto di vista tecnologie impiegate . Un’ occasione di sviluppo, il totale degli occupati lucani è arrivato al 60%. “Siamo qui oggi a celebrare un successo legato alle persone coinvolte in questa attività, in Basilicata c’è spazio per creare un’industria solida per l’intera regione”.

Murales

Comics

TerradiBasilicata TV

 
Terra di Basilicata - Dir. Resp. Antonio Savino - Aut. Trib. Potenza 357/08 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina di policy & privacy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Policy & Privacy