Potenza, c'è qualcosa che non va...

Pubblicato: Domenica, 03 Dicembre 2017

Quelli che il cacio. di Tony Pezzotta

Dopo una settimana di polemiche, post derby, il calcialingo torna ad affacciarsi dal suo terrazzo per scorgere il Viviani. Da più parti è stata gettata acqua sul fuoco. A mente serena viene spontanea una riflessione. In fin dei conti uno stop, dopo un ciclo così esaltante ci poteva pure stare. Il recluso per calcio lancia lo sguardo preoccupato verso il manto in erba sintetica. "Speriamo bene -esordisce pensieroso il pantofolaio per calcio- oggi è necessario vincere".

La pioggia bagna i veleni in campo e fuori. Il fischio d'inizio del signor Di Marco di Ciampino spazza di colpo i dubbi e le perplessità sulle ultime prestazioni dei rossoblu. "Oggi si gioca in casa -riflette l'amico tifoso- e una capolista deve sempre dimostrare di essere tale con i fatti". L'inizio del Potenza è deciso, poi, c'è una reazione dei pugliesi. La gara, però, resta sostanzialmente bloccata. Al 14' c'è un tiro di Agodirin che sorprende Breza e s'insacca, ma il gol viene annullato per un fallo precedente degli ospiti. I salentini, intanto, prendono coraggio e si rendono pericolosi in un paio di circostanze e, poi, al 23', è l'estremo canadese a metterci una pezza, alzando sopra la traversa. I minuti trascorrono con un'altalena di situazioni che, però, non mutano il risultato. Da registrare una serie di falli a connotare una partita molto maschia. L'amico tifoso è perplesso. Continua a masticare amaro e, mentre trascorrono i minuti, vede riapparire i fantasmi del passato. Il primo tempo sta per finire e il Potenza non è riuscito ancora a segnare.

Nella ripresa il Potenza sembra essere un tantino più determinato. Poi, però, con il trascorrere dei minuti, il Nardo regge l'urto, in maniera robusta e risponde rendendosi pericoloso. Sale il ritmo della gara e il Potenza si fa più minaccioso in avanti. Al 56' si assiste ad un duetto tra Franca e Siclari, ancora Franca che conclude fuori. Scocca il 58', ci prova Panico, dalla distanza, ma il tiro del difensore rossoblu viene smorzato e termina a lato. I pugliesi sono visibilmente in affanno e il Nardò, al 59', procede ad un cambio: esce Bolognese ed entra Gaetano Palmisano. Il tempo incalza e il calcialingo è visibilmente in ansia per un risultato che non si sblocca. Intanto giunge voce che la Cavese sta vincendo il suo confronto casalingo. A questo punto Panico non è più l'unico in campo. Spinge il Potenza con i suoi avanti che fraseggiano, senza, peraltro, riuscire a centrare la porta. Intanto, al 70', per frenare le insidiose ripartenze dei potentini, Versienti prende il giallo. Sicignano protesta e riceve la stessa sorte, venendo ammonito. Un minuto dopo c'è un cambio nel Potenza. Esce Pepe ed entra Berardino. Al 73' Franca, dai venti metri, su calcio piazzato impegna Morarco che devia oltre la traversa. La partita si fa spigolosa e, un minuto dopo, Guaita si fa ammonire. 77' Ancora un cambio per gli ospiti: esce Agoridin ed entra Balistrieri. I rossoblu spingono. Minuto 79', c'è un tentativo di Guadalupi, ma il tiro va fuori.

Altra sostituzione per i pugliesi: fuori Palmisano, al suo posto entra Prinari. All'83' Ragno tenta la carta Coccia che entra, al posto di Guaita. Sono minuti frenetici e decisivi. Il risultato resta inchiodato e il forcing dei padroni di casa non produce gli effetti sperati. Il Nardò sembra frastornato, ma il Potenza è frenetico e impreciso. Al secondo dei cinque minuti di recupero, altro cambio per gli ospiti: entra Gigante su Bertacchi. Il Potenza cinge d'assedio i salentini ma, il risultato, non cambia. Al triplice fischio il calcialingo non ha parole. Si lascia soltanto ad andare ad un canto strozzato: "C'è qualcosa che non va. In questo cielo. C'è qualcuno che non sa. Più che ore sono. C'è chi dice qua, c'è chi dice là. Io non mi muovo". Insomma, fa tutto lui che se la canta e se la suona. Intanto da Cava giunge notizia che la Cavese ha battuto, per 3-0, il Città di Gragnano. Non è giornata. L'amico tifoso conclude laconico: "Il Potenza perde la testa e, adesso, so cozze...". La trasferta di Taranto rappresenta uno scoglio molto duro per l'ex capolista. 

Murales

Comics

TerradiBasilicata TV

 
Terra di Basilicata - Dir. Resp. Antonio Savino - Aut. Trib. Potenza 357/08 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina di policy & privacy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Policy & Privacy