Il potere dell’Informazione

Pubblicato: Lunedì, 20 Novembre 2017

Donato Sabina

Damnatio memoriae”. Con questa lapidaria formula lo spietato Diritto Romano aveva raggiunto,addirittura, il potere di condannare un colpevole...da morto. Traditori e nemici politici di Roma venivano letteralmente cancellati dalla Storia, financo dalle anagrafi.

Una sorte crudele ed esemplare toccata anche ad uomini illustri come Marco Antonio, Nerone, Domiziano.

Oggi invece , nell’epoca della sovrabbondanza delle informazioni, si discute, all’opposto della legittimità di un diritto all’oblio (dall’Informazione e dalla Rete). 

Sarebbe forse utile, peró, oggi, pensare magari anche ad un ritorno alla damnatio memoriae. Soprattutto quando si ha a che fare con veri criminali. Ad esempio Totò Riina.

Invece in questi giorni si è assistito ad uno spettacolo mediatico a dir poco penoso e a quello che rappresenta, a mio avviso, un esempio di cattivo giornalismo. Il voler dare a tutti i costi la notizia sensazionale ha animato articoli o servizi su Riina orchestrati a mo’ di grandi biografie o di dettagliati necrologi. Si è letto ed ascoltato di tutto: genio del male, capo dei capi, feroce, ambizioso, spietato...quasi a voler dare un tocco di fascino oscuro a questa persona.

Meglio sarebbe stato, in questo caso, lasciar cadere nel vuoto la notizia, condannare all’oblio un uomo che, oltretutto, non si è mai minimamente pentito di ciò che ha fatto. Falcone e Borsellino devono essere ricordati, non Riina!

Ed il mondo dell’Informazione ha nelle mani questo grande potere. Di distruggere un criminale, un mafioso semplicemente non parlandone. Un’Informazione, tra l’altro , che proprio nelle ultime settimane ha dimostrato quanto può essere efficace e scomoda: si pensi a Daniele Piervincenzi aggredito ad Ostia, a Vittorio Brumotti assalito a Bologna o addirittura a Daphne Caruana Galizia uccisa a Malta. 

Un giornalismo che cerca la verità non l’audience. Laddove nessuno avrebbe il coraggio di andare.

E speriamo allora di non ritrovarci, a brevissimo, a dover assistere ad una spettacolare fiction su quello che è stato, in fondo, soltanto uno fra tanti criminali. 

Che cali  il sipario. Subito. Che non si sia mai alzato.

Murales

Comics

TerradiBasilicata TV

 
Terra di Basilicata - Dir. Resp. Antonio Savino - Aut. Trib. Potenza 357/08 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina di policy & privacy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Policy & Privacy