ll Garante visita il carcere minorile di Potenza

Pubblicato: Giovedì, 12 Febbraio 2015

"Ringrazio i ragazzi ospiti del carcere minorile di Potenza per la loro umanità e la capacità di accoglienza che mi hanno dimostrato. Una visita da considerare non solo utile quanto ricca di insegnamenti, soprattutto per chi si occupa dei problemi dei giovani. E dai giovani in molti casi c'è anche da apprendere". E’ quanto dichiarato dal Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza, Vincenzo Giuliano, dopo la sua visita presso l'Istituto penale per i minorenni del Capoluogo di regione.

All'incontro hanno partecipato il direttore dell'Ipm – Cpa - Comunità di Potenza,  Maria Cristina Festa, il comandante di Reparto, ispettore Federico Telesca, Michela Esposito, funzionario della Professionalitá pedagogica.“Un incontro fraterno e ricco di spunti – ha sottolineato Giuliano - nel corso del quale è emersa la condizione di ciascuno degli ospiti della casa, con particolare riguardo alla capacità di recupero ed alle prospettive sia individuali che collettive dei ragazzi”.Il Garante che si è detto “positivamente sorpreso”, ha rivolto agli ospiti dell'Istituto “parole di elogio per il grado di maturità raggiunto” e si è, altresì, complimentato con i ragazzi “anche per la loro educazione ad una forma di credo religioso, realmente vissuto e ispirato al Vangelo” e con il personale tutto, “così professionalmente ed umanamente qualificato  ad  accompagnare i giovani”.Maria Cristina Festa, con gli operatori, ha sottolineato “gli obiettivi che l'Istituto penale di Potenza si propone di raggiungere, tendente a creare una coscienza nei giovani del loro inserimento futuro nella società e nel mondo del lavoro”. Giuliano ha espresso “compiacimento per i laboratori formativi e per i tirocini professionalizzanti allestiti all'interno del carcere minorile di Potenza, con l'ausilio di esperti dell'Apofil”.“Inevitabile – a giudizio del Garante - il riferimento al quadro nazionale, caratterizzato dall'assenza di un ordinamento penitenziario minorile e dal conseguente ricorso alle norme  che regolano le misure restrittive per gli adulti. Urgente ed improcrastinabile – ha aggiunto - tener conto delle peculiari caratteristiche e dei bisogni specifici dell’utenza minorile quali, ad esempio, maggior numero di colloqui e di telefonate mensili ai familiari”. Auspicata, al riguardo, “una precisa attenzione da parte del legislatore per colmare il vuoto esistente al momento, a tutto danno della capacità di recupero dei minori, responsabili di vari reati”.

Murales

Comics

TerradiBasilicata TV

 
Terra di Basilicata - Dir. Resp. Antonio Savino - Aut. Trib. Potenza 357/08 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina di policy & privacy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Policy & Privacy