Fotografia: archivi aperti

Pubblicato: Mercoledì, 14 Ottobre 2020

Mario Rocca

Una grande iniziativa per far crescere e divulgare la cultura fotografica

 Archivio Museo di Fotografia contemporanea 

“Anomalie/Trasformazioni. Narrazioni contemporanee e nuovi sguardi: è il titolo della VI edizione di ‘Archivi Aperti’ organizzata dall’Associazione Rete Fotografia (informazioni: www.retefotografia.it).

 

Alberto Sordi - Vacanze d'inverno, Backstage 1958, © Fondazione 3M

Si tratta del sesto appuntamento di notevole importanza, per diversità di approcci e testimonianze nell’ambito della cultura fotografica, tanto da porsi come uno spazio molto variegato e competente per una riflessione approfondita con grande valenza divulgativa attraverso, quest’anno, la partecipazione di ben 41 archivi e studi fotografici che ha proposto sia visite in sede con la presenza del pubblico, sia dirette online dagli archivi, dove è custodita la memoria fotografica del nostro paese e sono conservati i fondi più significativi per la ricostruzione storico-visiva dell’immagine dei luoghi, delle città, dei monumenti, del patrimonio artistico, del vivere quotidiano, del costume sociale, veri e propri scrigni (spesso poco o per niente conosciuti, se non dagli studiosi) che custodiscono la storia per immagini del nostro passato, non meno importante della storia narrata con le parole.

 

Aldo Pinto, Veduta del cortile del convento di San Domenico a Soriano Calabro con i marmi dell’antico assetto monumentale, gelatina ai sali d'argento © Archivio “Emilia Zinzi

Fulcro dell’iniziativa rimane la città di Milano, con la ricchezza e la varietà dei suoi archivi, ma le trasformazioni in corso e la realizzazione di molti incontri online hanno consentito per la prima volta di raggiungere un pubblico amplissimo e non limitato al solo territorio milanese e lombardo.

 

A sinistra: Faustina Foglieni, Benefattore della Congregazione di Carità di Milano, ©Archivio ASP Golgi-Redaelli - A destra: Moscariello, Luigina Tiengo durante un sopralluogo nel castello di Santa Severina, 1965 ca., stampa alla gelatina d’argento, Fondo Emilia Zinzi, Archivio fotografico, Biblioteca di Area Umanistica © Archivio “Emilia Zinzi”

 

 

L’importanza e il valore degli archivi fotografici, il loro studio, l’attenzione a strategie per la conoscenza e la diffusione delle immagini che si inseriscono nei cambiamenti culturali in corso con atteggiamento critico e consapevole, sono quindi al centro delle riflessioni che proposte, attraverso un densissimo programma di interventi e approfondimenti culturali proposti da conservatori e curatori, ha permesso di conoscere e costruire gli strumenti per nuove e sempre più aperte strategie di valorizzazione dei patrimoni in ciascuno di essi conservati; oltre che di analizzare il rapporto della fotografia con la società, l’etica, il potere e le tecnologie si riflette, di studiare il senso stesso degli archivi oggi, di progettare li strumenti e le politiche culturali, anche per definire l’identità stessa delle future generazioni.

 

Giovanni Hänninen, Milano-Covid Cordusio – aprile 2020 ©Hanninen

Il “messaggio” che resta da questa importante iniziativa è che i profondi mutamenti che hanno investito radicalmente il nostro modo di vivere a partire dall’inizio della pandemia hanno fortemente evidenziato “l’importanza di interrogarci sul rapporto dell’immagine e della fotografia con il mondo in cui viviamo specie in rapporto alla comunicazione e dell’informazione.

 

Martin Parr, Piscina all’aperto, 1989 © Archivio storico fotografico Aem, Fondazione Aem - Gruppo A2A, Milano

 

In questo scenario, assume particolare rilievo l’attenzione al patrimonio culturale, e ai tanti giacimenti sommersi nel fondo di archivi pubblici e privati e alla loro valorizzazione come elemento cardine per arricchire nostra cultura intesa come capacità e riflessione critica.

 

Studenti africani a Milano, anni Sessanta ©Archivio storico Intesa SanPaolo

 

Rete Fotografia” è nata nel 2011 a Milano su iniziativa di un gruppo di enti e istituzioni, attivi nel settore della fotografia, con la finalità di creare un sistema aperto di collegamenti e relazioni tra realtà pubbliche e private, di promuovere e valorizzare la fotografia attraverso una cultura critica sempre più ampia, aggiornata e qualificata.

 

A sinistra: Cesare Colombo, Darsena 1953, Milano Civico Archivio Fotografico, ©CesareColomboArchivio - A destra: Servizio fotografico sugli Indiani Alakaluf – o Kawésqar - del Cile realizzato per illustrare un articolo pubblicato sulla rivista del Touring ‘Le Vie del Mondo’ nell’agosto del 1950 © Touring Club Italia

 

L’Associazione ha organizzato e continua a promuovere e organizzare incontri, convegni, visite guidate al fine di offrire strumenti di conoscenza e aggiornamento a specialisti, operatori, studiosi e studenti che si occupano di fotografia.

 

Bauer, scuola di Fotografia

 

Murales

Comics

TerradiBasilicata TV

 
Terra di Basilicata - Dir. Resp. Antonio Savino - Aut. Trib. Potenza 357/08 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina di policy & privacy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Policy & Privacy