Potenza "solare"... a metà

Pubblicato: Domenica, 29 Ottobre 2017

di Pasquale Scarano

Sarà per il cambio dell'ora, sarà per i bioritmi o per il pensiero corso all'incontro di mercoledì con la Sarnese, ma per il Potenza, contrariamente a quel che dice il punteggio eclatante, si è fatto buio prima del tempo.

Intendiamoci, il successo è meritato, perchè rispecchia la differente cifra tecnica tra le due compagini, ma gli uomini di mister Ragno, questa volta hanno dovuto soffrire e stringere i denti fino alla realizzazione del 4° mitico goal di Franca. La trama del match s'evidenziava con i rosso-blù schierati con l'offensivo 4-2-4: Breza tra i pali ,Sicignano e Di Somma guardie centrali, Biancola e Panico sugli outs difensivi, Guaita e Beradino esterni offensivi, nel mezzo il neutralizzatore Diop e la mente capitan Esposito, ed in attacco il duo Franca-Siclari. “Nippo” Nappi mister del Pomigliano faceva giostrare i suoi con un 4-3-3, apparentemente offensivo, ma in realtà rinunciatario per quasi un tampo.

Il “Pomi” si attestava con Defelice portiere, Mannone e Djibo difensori centrali, Avella ed il piccolo Marotta sulle corsie laterali, Guidelli tignoso mediano metodista sostenuto ai fianchi dal pericoloso Alfano e dal motorino Vitiello, con la punta centrale Konatè e le ali Abriola ed Elefante, spesso arretrati in fase di copertura. Il 1° game iniziava con i leoni all'attacco sin dai primi minuti con Guaita, Siclari e Franca che non chiudevano d'un soffio gli scambi volanti. L'unico pericolo corso dal Potenza nei primi 12 minuti, è stato un rinvio svirgolato da Di Somma al limite dell'area, che costringeva Breza a togliere il pallone dall'incrocio dei pali. Corso l'auto-pericolo i rosso-blu si catapultavano in avanti ed al 13°, da un lancio millimetrico di Esposito, Franca, di testa, metteva in mezzo per l'accorrente Sicignano che incornava scagliando, sotto la traversa interna, il pallone che incocciava Defelice e rientrava nella porta.

Vantaggio meritato per i leoni che al 17° scambiavano di prima intenzione; in azione Franca, Siclari e Beradino, con quest'ultimo che apriva sull'esterno per Guaita che con un tocco vellutato faceva secco Defelice per il raddoppio dei padroni di casa.Due minuti dopo, la 3^ realizzazione giunta con una punizione di Esposito, tagliata in area sul primo palo e concretizzata da Di Somma con un preciso colpo d'esterno verso il palo opposto, inarrivabile per l'estremo difensore campano. Tripletta, dunque,ma nei successivi 20 minuti i rosso-blu costringevano i granata a subire con Siclari fermato per ben 2 volte dal portiere e con Esposito, il quale, direttamente da calcio d'angolo, sfiorava la traversa. I granata tentavano di reagire solo al 42° con Labriola anticipato d'un attimo da Biancola, e poi in chiusura di tempo con Elefante autore d'un insidioso cross in terra di nessuno.Il 1° game, quindi terminava con una prestazione ed un risultato rassicurante per i leoni; la 2° frazione, invece, vedeva i granata all'attacco: al 7°, Alfano, con un preciso colpo di testa , imbeccato da Vitiello, accorciava imperiosamente le distanze: 3-1.

Un minuto dopo Konatè impegnava in area Breza sul 1° palo ed al 14°, da un angolo battuto da Alfano, Elefante, con un tiro dal limite, coglieva in pieno la traversa, facendo tremare i cuori del Viviani. Nei minuti successivi continuando a moltiplicarsi i tentativi degli ospiti, mister Ragno richiamava Beradino e Biancola, per inserire Ungaro, forte sui palloni alti e Schisciano, un uomo in più a centrocampo, e schematizzava in campo un prudente 3- 5-2. Nonostante la mossa tattica i granata lanciavano Konatè ed il solito Alfano bloccati all'ultimo istante da Di Somma e dal guerriero Diop, ma, da susseguente angolo, ancora Alfano, sempre lui, sfiorava il palo alla sinistra di Breza.

Successivamente gli accorgimenti del Ragno incominciavano a funzionare ed alla ½ ora Coccia, appena entrato al posto di Guaita, lanciato da l'onnipresente Diop in contropiede e con uno spazio enorme davanti, consentiva a Mannone un prodigioso recupero. In seguito, al 33° Guadalupi dava il cambio ad Esposito, e s'inventava una giocata delle sue, guadagnando una punizione da circa 25 metri. Andava all'esecuzione un impeccabile Franca che indirizzava all'incrocio un imprendibile pallone ad effetto, per il 4° goal del Potenza.Il “Pomi” cercava la reazione sia con il neo-entrato Allegra e guarda caso con Alfano, ma i leoni reggevano all'impatto mantenendo inalterato il punteggio fino al termine: Conclusione festeggiata con tripudio dai supporters rosso-blu, ma con qualche ansia da metabolizzare, nonostante l'entità del risultato finale. Fra 3 giorni, d'altronde, l'impegno con la Sarnese appare complesso per le qualità e le doti di combattimento dell'avversario ed indietro, le inseguitrici non mollano; ma la speranza è che i leoni mettano sempre il cuore oltre l'ostacolo.

Murales

Comics

TerradiBasilicata TV

 
Terra di Basilicata - Dir. Resp. Antonio Savino - Aut. Trib. Potenza 357/08 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina di policy & privacy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Policy & Privacy